La Via Francigena o Antica Strada Reale

Estratto della Cartina che potete avere in omaggio presso il nostro negozio, contiene tutte le informazioni necessarie per percorrere i 100 Km previsti per la Val di Susa.

 

 

 

Fin dall'antichità la Valle di Susa è stata una delle aree privilegiate per il collegamento dell'Italia con l'oltralpe, grazie ai colli del Monginevro e del Moncenisio. Il tratto della Via Francigena della Valle di Susa, che collegava Torino a Lione attraverso il Moncenisio e Roma a Santiago attraverso il Monginevro, è uno dei numerosi itinerari praticati attraverso le Alpi durante il Medioevo. Essa stessa non coincide con il moderno concetto di strada, ma corrispondeva lungo il solco vallivo ad un fascio di percorsi paralleli, più o meno fitto a seconda dell'ampiezza dell'area attraversata. Ogni viandante - pellegrino o mercante, principe, contadino o uomo di Chiesa - progettava il proprio itinerario mirandolo di volta in volta su obiettivi specifici e adeguandolo a variazioni dettate da necessità concrete. Luoghi di culto, centri cittadini dotati di mercato, punti obbligati di transito e di pedaggio, monasteri, "ospedali" e spazi di sosta dovevano essere individuati come essenziali riferimenti per il viaggio. Lungo l'itinerario il pellegrino incontrava luoghi di culto quali la Sacra di San Michele, ma anche un sistema di ospizi (Moncenisio e Ranverso), monasteri (Novalesa, San Giusto di Susa) e certose (Montebenedetto e Banda) molto vasto e ben organizzato.

 

 

clicca sull'immagine della fotografia raffigurante un tratto dell'antica strada reale per ottenerne l'ingrandimentoQuesto antico percorso, nel nostro territorio, viene anche indicato con i nomi di  di Antica Strada Reale o Via di Francia, e si intende il percorso che in epoche successive, veniva utilizzato per valicare il Moncenisio, con partenza da Susa, in Italia ed arrivo a Lanslebourg in Francia, o viceversa.
Reso obsoleto dalla costruzione della strada Napoleonica, ha subito negli anni molte modifiche ed interventi, in parte sostituito con strade vere e proprie, per il transito dei carri prima e delle auto poi, ed in parte ristrutturato come sentiero.

 

 


Di seguito alcune semplici indicazioni:
Il tratto da Susa a Novalesa è praticamente stato sostituito dalla strada provinciale.
In Venaus e Novalesa lo si può ritrovare percorrendo la via centrale del paese.

Da Novalesa (825 m.s.l.m.) a Ferrera Cenisio (1450 m.s.l.m.) in parte è stato sostituito da una strada intercomunale, ed in parte è possibile ripercorrerlo, come sentiero, con caratteristiche assai simili a quelle di un tempo.

Da Ferrera a Piana di S. Nicolao, è possibile ripercorrerlo parte in sentiero e parte su strada sterrata.

Da Piana di S.Nicolao al lago del Moncenisio, ed al valico omonimo, si può effettuare una variante interessante, ripercorrendo la strada già ferrata della storica ferrovia Fell; oppure si sale la Gran Scala (strada napoleonica) raggiungendo quindi il lago a quota 2000 m.s.l.m.

Per il tratto Novalesa Lago del Moncenisio: tempo di percorrenza circa 4 ore.

 

 

La Ressia di Novalesa è punto di informazione turistica e B&B.

Da noi potete avere il timbro per le credenziali che certificano il passaggio da Novalesa

 

Se volete avere ulteriori informazioni sul Cammino della via francigena in Val di Susa contattaci